Vetrina televisiva nazionale per il San Salvatore

Share

Nell’ultima puntata di “Domenica In”, andata in onda il  27 aprile scorso, la nota showgirl e conduttrice televisiva Geppi Cucciari ha ripercorso una delle sue più importanti tappe di vita personale con la maglia giallonera di via Vienna.

Nel video, in cui compaiono il dirigente storico Gabriele Cinus e alcune bandiere giallonere, aneddoti e curiosità della cestista originaria di Macomer, dal settore giovanile fino all’approdo sui parquet nazionali.

770 Visite totali, 1 visite odierne

BIASSONO KO, IL SAN SALVATORE CHIUDE COL SEGNO PIU’ LA SUA SECONDA AVVENTURA IN SERIE A

Share

Alessandra Visconti (Foto Mauro Mascia)Staico: “Vittoria figlia del ritmo e delle ampie rotazioni”

Selargius 16 aprile 2014     Scarica PDF

Dodici vittorie e nove sconfitte. E’ il bottino messo a segno dal San Salvatore Selargius nella sua storica seconda stagione in serie A. La formazione di Fabrizio Staico ha fatto rientro da Biassono con una scontata vittoria. Troppo grande il divario tra le esperte giallonere e le giovani lombarde. La contesa si è chiusa in poco più di 20’, grazie ai canestri delle solite Yordanova e Visconti. “E’ stata una vittoria costruita sui tanti palloni recuperati, sulle ripartenze e sulla difesa che da subito ha tolto tanti tiri e penetrazioni alle avversarie – dice Fabrizio Staico, coach del San Salvatore – con ampie rotazioni che hanno permesso di tenere i ritmi alti per 40’”. A sbirciare il tabellino potrebbe sembrare una giornata storta per Brunelli, autrice di appena tre punti personali. “Così non è stato – puntualizza il tecnico – Greta è stata particolarmente versatile e ha giocato tanto per le compagne”. Tutti in vacanza, dunque. Dopo la gara, che chiude dieci mesi di intenso lavoro, il gruppo si è per la prima volta disunito per le vacanze pasquali. Un “rompete le righe” quanto mai meritato.

IL TABELLINO:
BK FEMM. BIASSONO – SAN SALVATORE SELARGIUS 49-73

Bk Femm. Biassono: Iasenza 2 Porro 2, Fumagalli 1, Ottolina, De Ponti 5, Rossi 17, Frigerio 8, Colombo 9, Sallustio 5, Giorgi. Allenatore: Stefano Fassina

Basket San Salvatore Selargius: Yordanova 20, Lussu 9, Perseu 2, Angius 2, Brunelli 3, Canalis, Palmas 8, Tinti 4, Visconti 21, Nordio 4. Allenatore: Fabrizio Staico.

Arbitri: Ivan Battisacco e Lorenzo D’Errico.

Parziali: 11-25; 27-45; 38-57.

 

1,496 Visite totali, nessuna visita odierna

SAN SALVATORE E CIRCOLO AMSICORA DI LECCO, ATTO TERZO

Share

Selene Perseu consegna una confezione di capperi selargini al presidente del Circolo Amsicora di Lecco Giuseppe Tiana

 Entrambi in prima fila per promuovere l’immagine della Sardegna

 Dopo tre mesi di “soggiorno obbligato” nell’isola, il team giallo nero ha nuovamente preso confidenza con l’aereo per affrontare una rapida ma intensa trasferta in Lombardia dove prima della gara con il Valmadrera era atteso dagli amici del Circolo Sardo Amsicora di Lecco

Era il 23 marzo quando di buon mattino si sono ritrovate in aeroporto abbigliate con le divise ufficiali della società, pronte a farsi riconoscere dai viaggiatori dell’Italia e del mondo. Già dallo scalo di Elmas i curiosi si fanno avanti per chiedere qualche informazione. Capitan Emanuela Tinti risponde ad un distinto signore che vuol conoscere la disciplina praticata da lei e le sue compagne. Una volta atterrate in Lombardia, colpite sicuramente da quelle stoffe colorate dalle quali spicca il nome della regione di provenienza, tante persone chiedono incuriosite cosa ci facciano da quelle parti.

Al circolo Amsicora di Lecco vengono accolte a braccia aperte dai padroni di casa che tanto stanno facendo per promuovere l’immagine della Sardegna in città e hinterland.

Si lascia sedurre dalle spiagge, ama la gastronomia locale, nutre un debole per le estrinsecazioni della cultura isolana. La popolazione di Lecco e dintorni fa la fila negli uffici del Circolo per prenotare le vacanze. E non rimane mai delusa dai servizi offerti perché puntualmente torna l’anno successivo per rinnovare le ferie nell’incantevole isola del Mediterraneo.

Per la terza volta in poco meno di un anno e mezzo le giocatrici giallo nere fanno una capatina in via Buozzi per un buon pranzetto in compagnia. E come sempre non passeranno inosservate perché i media locali danno puntualmente risalto alla loro rapida permanenza nelle terre manzoniane. Lo conferma Giuseppe Tiana, presidente del Circolo Amsicora e grande tifoso delle cestiste provenienti da Selargius. L’attività dell’associazione va avanti a gonfie vele auto finanziandosi anche con la vendita al dettaglio delle ghiottonerie nostrane. Non mancano gli appuntamenti all’aperto, tanti attesi dai lecchesi, dove le bontà culinarie sarde vengono pacificamente razziate. In tanti chiedono se anche quest’anno, a giugno, la Sardegna rappresenterà l’Italia nella rassegna “I Pani del Mediterraneo”. E Tiana conferma che esperti panificatori sardi si presenteranno in città per preparare montagne di coccoi e pane carasau. E la lunga tavolata allestita solitamente presso l’ottocentesca Villa Bertarelli a Galbiate viene curata nei minimi particolari dai nostri conterranei. Niente è affidato al caso, e oltre ai prodotti figli della panificazione si può sorseggiare un pregiato vermentino, accompagnato sovente dalla mustela e da altri insaccati e formaggi importati dalla terra madre. Il successo è assicurato perché gli avventori si rifanno vivi in sede. “Il passaparola sta assumendo livelli incredibili – ammette il presidente – se non ci fossimo noi non so come potrebbe funzionare la promozione dei nostri territori”. Con la primavera comincia a cadenza settimanale l’organizzazione di cene tipiche sarde con i locali del circolo che a stento riescono a contenere la massiccia affluenza: come sempre è il maialetto ad incantare i locali, ma validi apprezzamenti sono riservati anche ai malloreddus, salami e tanto altro ben di dio. Ma Circolo Amsicora vuol dire anche Cultura: ad aprile l’Isola Viscontea ospiterà uno spettacolo musicale. “I signori del circolo ci hanno accolto benissimo come le altre due volte – dice un’entusiasta Sara Angius – sono sempre molto ospitali”. “Ormai siamo di casa da loro” aggiunge Emanuela Tinti. Dopo qualche chiacchierata digestiva, le atlete si spostano nella vicina Valmadrera per onorare la seconda giornata di ritorno della Poule Retrocessione. In una classica forse più sentita di un derby, il team selargino prende subito il sopravvento e non viene più raggiunto. Il presidente Giuseppe Tiana arriva al PalaLeopardi a gara cominciata. Incontra anche alcuni amici andati a fare tifo alle ragazze locali, tra loro c’è anche un signore che ha il suocero di Buggerru. Il sardo lecchese si gode questo bel successo: “Quando vengono qui le ragazze di Selargius si esaltano sempre – dice Tiana – e anche stavolta sono state bravissime a non farsi mai raggiungere. Spero però che il Valmadrera si possa salvare così ci possiamo incontrare anche la prossima stagione”.

Dopo i saluti e gli abbracci si ritorna verso l’aeroporto di Milano Linate e lì si fanno altri piacevoli incontri: “Abbiamo fermato l’ex giocatore del Cagliari David Suazo – rileva Emanuela Tinti – e con lui abbiamo parlato un pochino; ci ha chiesto dove giocavamo, in quale categoria. Poi abbiamo incontrato un sardo originario di Bono che lavorava in aeroporto a Milano, e ha voluto fare una foto con noi”. Si ritorna nell’isola con il sorriso fra le labbra e tanta stanchezza.

 

882 Visite totali, nessuna visita odierna

SAZIATA LA FAME DI DERBY

Share

Dopo tre sconfitte consecutive con sodalizi isolani, le ragazze di Staico ritrovano la vittoria nell’ultima chance stagionale a disposizione

Selargius, 13 aprile 2014   Scarica il PDF

Congedarsi in maniera impeccabile dal magico pubblico giallo nero e riprendere
confidenza con il successo in un derby. Due priorità a cui Fabrizio Staico teneva
tantissimo al punto che cinque giocatrici su dieci hanno corso sul parquet per
oltre 35 minuti. E i due punti conseguenti sono stati suggellati da una
salsicciata finale che ha chiuso in estasi la stagione casalinga del team
selargino. La contesa si è aperta nel segno dell’equilibrio con le ospiti che
hanno anche preso quattro punti di vantaggio, subito recuperati in un finale di
primo quarto che si chiude in parità. Tra le locali sono soprattutto Alessandra
Visconti, Greta Brunelli e Roksana Yordanova a tenere sotto controllo la
situazione al punto che al termine delle ostilità totalizzeranno 58 punti sui 74
complessivi. Nell’ avvio del secondo periodo le cepine riprovano a seminare le
avversarie (17 – 24). Grazie soprattutto alle bombe, il team selargino non
perde contatto e prima del riposo le sorpassa mantenendo un punto di
vantaggio. La spinta delle padrone di casa si fa più incisiva al rientro dagli
spogliatoi con un gioco più veloce imperniato sullo scambio continuo e il
contropiede. E in questo frangente emergono anche Lussu e Tinti: la prima con
le sue imprendibili scorribande associate ad un controllo consapevole del
pallone; la seconda accentuando la marcatura asfissiante senza disdegnare
penetrazioni quasi sempre efficaci. Le altre tre compagne continuano a dare il
loro pesante contributo. Ad un primo break di 5 – 0 prontamente colmato se
ne associa successivamente un altro più severo di 13 – 0 che fiaccherà
definitivamente le resistenze cagliaritane (56 – 44). Nel segmento finale di
gara una tripla di Greta Brunelli porta al massimo vantaggio (64 – 50); un
breve rilassamento coinciso anche con l’uscita per cinque falli della biondina
laziale del Selargius consente all’Astro di riavvicinarsi (67 – 62). Risolve tutto
Visconti dalla lunga distanza e a quel punto la sfida può dirsi conclusa.
Dalle statistiche spicca l’83% da tre di Brunelli, e ai 26 punti totali di Visconti si
associano anche i quindici rimbalzi che maturano una valutazione complessiva
di 32. Durante l’intervallo la dirigenza di casa ha premiato le under 14 Francesca Mura, Maria Adele Schirru, Martina Mameli e Erika Mockeviciute per l’importante successo ottenuto la scorsa settimana nella finali regionali del Join the Game.

TELECRONACA SU VIDEOLINA SPORT

La ripresa della gara sarà trasmessa dall’emittente Videolina Sport (canale 210
del digitale terrestre) e su internet in tutto il mondo ciccando su questo link:
http://live.videolina.it/videolinasport. Il commentatore Mauro Farris, con le
immagini di Nicola Ambu, sarà affiancato dal tecnico Alberto Bolognesi. Si
comincia domenica sera. Per orari esatti, anche delle le repliche controllare
sulla pagina Facebook di Videolina Sport.

Continua a leggere

737 Visite totali, nessuna visita odierna

“RICONOSCENZA VERSO I TIFOSI, DUNQUE VITTORIA A TUTTI I COSTI”

Share

Sara Angius (Foto Mauro Mascia)

 

Staico carica il gruppo un pò abulico in questo finale di stagione

Selargius, 11 aprile 2013       Scarica PDF

“Dobbiamo essere riconoscenti versi i nostri tifosi, per questo la prossima gara è di quelle da vincere a tutti i costi”. Fabrizio Staico scava nel senso di responsabilità delle sue giocatrici per cercare di dare al gruppo le giuste motivazioni. A sbirciare però la classifica e l’andamento stagionale pare non essercene granché bisogno. Quella con l’Astro (domani, 18, via Vienna) è infatti, certamente, tra le gare meno scontate del torneo. La formazione di Zedda è un gruppo collaudato, autentico mix di esperienza e tenacia, unito a una buona dose di entusiasmo, ingrediente regalato da un finale di stagione in crescendo. Ultime nella fase regolare, le cepine hanno saputo conquistare cinque vittorie nella poule salvezza, strappando la permanenza in serie A con diverse settimane d’anticipo. “Aggiungo che contro questa squadra, tra precampionato e campionato, non abbiamo mai vinto” – precisa il coach del San Salvatore. Le giallonere di casa, dal canto loro, devono ripartire dalle certezze: un gruppo unito, che deve dimostrare domani, davanti alle decine di tifosi di via Vienna, di volersi sdebitare per l’affetto incondizionato fatto respirare in questi dieci mesi di attività. “Oggi si deve vincere, perché quello che rimane nei ricordi è sempre il finale dei campionati – conclude Staico – inoltre chiunque giochi qui deve sapere che passare è durissimo. Confido in un match sanguigno, nel quale tutte saranno nuovamente pronte a sbucciarsi le ginocchia”. Roster al gran completo e dunque tutte abili e arruolate, con la sola Anna Lussu ancora alle prese con dei fastidiosi problemi alla schiena.

637 Visite totali, nessuna visita odierna

SENZA MOTIVAZIONI NON SI POSSONO PRETENDERE MIRACOLI

Share

Consueti commenti a freddo da parte delle protagoniste sconfitte nel derby di Alghero. 

Scarica in PDF

La sindrome da derby continua e nell’umore delle atlete accresce sempre di più
la voglia di mettere la parola fine a quest’appendice di campionato tutt’altro
che irresistibile. Di parere diverso é senz’altro la Mercede Alghero che non ha
mai mollato portando in cascina punti preziosissimi. Soccombere seppur per
sole due lunghezze, dà comunque molto fastidio al clan giallo nero che ora è
atteso dall’ultimo incontro casalingo. Guarda caso con un’altra conterranea,
l’Astro Cagliari, che all’andata gli arrecò il primo dispiacere della Poule
retrocessione.

Sul match giocato nella Nurra la prima a parlare è Greta Brunelli, miglior
realizzatrice per la sua squadra; “C’é molto rammarico per come è andata
l’ultima gara – dice – e soprattutto per non riuscire a concludere nei migliori dei
modi quest’annata. Ci rimangono due partite, siamo ancora in tempo per finire
in bellezza e lasciare un ottimo ricordo di questa squadra! Non dobbiamo
pensare che sia già tutto finito, ma vivere le giornate”. La guardia di
Contigliano ha la grande virtù di parlare col cuore e di andare al succo del
ragionamento: “Credo che tutti si aspettassero di più da questa squadra –
conclude Brunelli – ma complici un po’ di sfortuna e forse poca determinazione,
abbiamo ugualmente conquistato tanti cuori; così come i tifosi hanno
conquistato i nostri ed ė per questo che sono sicura che fino alla fine
cercheremo di non deluderli”.

Prezioso e come sempre assennato il giudizio critico espresso dalla veterana
selargina Selene Perseu: “L’inizio della partita è stato positivo per noi, però
mi sono accorta fin da subito che Alghero stava comunque giocando bene e
che in ogni momento sarebbe stata in grado di raggiungerci. Così é stato, noi
abbiamo fatto una partita incostante in attacco e al di sotto delle nostre
capacità in difesa. Oramai a dieci giorni dalla fine mi sento di dover fare solo i
complimenti alle ragazze algheresi per il gioco espresso nonostante l’assenza
della grande Marika Zanardi”.

La baby Eugenia Dessì non ha peli sulla lingua e giudica così l’operato del
collettivo: “Abbiamo giocato con superficialità, sottovalutando le nostre
avversarie che senza una giocatrice importante si sono mostrate diverse e
molto più unite: cosa che noi non siamo riuscite a essere né in attacco, né in
difesa”!

L’ultima parola al vice allenatore Roberto Frau: “Primo quarto bene. I
problemi sono arrivati dal secondo in poi quando ci siamo rilassate in difesa e
di conseguenza anche l’attacco ha risentito di questo fatto. Un’altra prova di
quanto contino le motivazioni in un campionato del genere. Non saremmo
dovuti arrivare a giocarci la partita all’ultimo minuto. Ora è andata e testa al
match di ritorno con l’Astro nell’ultima partita casalinga dell’ anno”.

LE NERINE UNDER 14 CONQUISTANO LE FINALI NAZIONALI
DEL JOIN THE GAME

Il settore giovanile del sodalizio di viale Vienna raggiunge un importante
traguardo. Nel corso delle finali regionali under 14 del Join the Game (tre
contro tre) le “Nerine” Martina Mameli, Francesca Mura e Maria Adele Schirru,
hanno centrato e vinto la finalissima contro le pari età della Mecm (Virtus
Cagliari). In un Pallone gremito di atlete e appassionati le tre allieve del
direttore tecnico Fabrizio Staico hanno offerto una prestazione entusiasmante
ed ora sono attese dalle finali nazionali che si disputeranno a Fano il 17 e 18
maggio.

Non riesce nell’impresa di conquistare il titolo regionale la formazione under 13
femminile (My Game) che nel concentramento di Quartu S. Elena è stata
sconfitta dalle Ghiganti (Cus Cagliari)
Queste buone notizie si aggiungono a quella relativa alle convocazioni per il
Trofeo delle Regioni. Con la maglia della rappresentativa sarda giocheranno
anche tre sansalvatorine: oltre alle sopraccitate Schirru e Mura è stata
convocata l’under 15 Francesca Piras. Dal 20 al 27 aprile saranno impegnate a
Rimini ed esordiranno contro la Toscana.

599 Visite totali, nessuna visita odierna

SAN SALVATORE SCONFITTO AD ALGHERO

Share

Prestazione insipida, tipica di un finale di stagione senza affanni

Alghero, 5 aprile 2013     Scarica PDF 

Niente da fare. La fame di vittoria fa ancora una volta la differenza e il San Salvatore Selargius è costretto a tornare a casa con le pive nel sacco. La formazione di Fabrizio Staico si è arresa alla Mercede Alghero al termine di un match consumatosi sul filo dell’equilibrio, deciso a pochi istanti dal termine da due liberi di Delia Gagliano, fredda e concentrata nel regalare la vittoria salvezza alle compagne. In precedenza le selargine avevano comunque sempre faticato. Tranne nell’avvio del match, quando erano riuscite a stampare sul tabellone un parziale di 4-13 che sembrava mettere in discesa la partita. Le catalane, invece, non si sono perse d’animo e in 20’ hanno sovvertito il risultato, chiudendo al terza frazione sul 58-51. L’ultimo capitolo della gara è un susseguirsi di emozioni. Selargius trova il contro parziale che regala l’illusorio vantaggio a 2’ e 30 dall’ultima sirena. A 7’’ dal termine Gagliano va in lunetta e fa 2/2. Brunelli ha ancora il tempo per pareggiare ma sbaglia. Finisce col rimbalzo di Giorgi, che vale la vittoria scaccia fantasmi per la squadra di Cordeschi e una sconfitta indolore per Lussu e compagne.

IL TABELLINO:
MERCEDE ALGHERO – SAN SALVATORE SELARGIUS 72-70

Mercede Alghero: Caneo, Petrova 4, Martinelli ne, Boi 4, Giorgi 24, Trubia ne, Loriga, Azzellini 16, Gagliano 21, Farris 3. Allenatore: Daniele Cordeschi.

Basket San Salvatore Selargius: Yordanova 9, Lussu 10, Perseu, Brunelli 22, Canalis ne, Palmas ne, Tinti 6, Visconti 21, Nordio 2, Dessì ne. Allenatore: Fabrizio Staico.

Arbitri: Bernassola e Marsico.

Parziali: 19-26; 42-38; 58-53.

575 Visite totali, 1 visite odierne

“NON MI FIDO DI ALGHERO, GIOCHIAMO PER VINCERE”

Share

Elena Nordio al tiro (Foto Mauro Mascia)

Coach Staico presenta la penultima trasferta stagionale dell’anno

Selargius, 4 aprile 2013      Scarica PDF 

Prima in classifica a tre giornate dalla fine e con un match dal significato pressoché nullo. Il “rompete le righe” è sempre più vicino in casa del San Salvatore Selargius. La compagine allenata da Fabrizio Staico sarà nuovamente in campo, dopo la pausa per fare spazio alla Coppa Italia di categoria, domani, alle 19, sul campo della Mercede Alghero. Le catalane giocano per evitare il rischio dei playout, che renderebbero questo finale di stagione più pericoloso di quanto preventivato. In casa selargina, invece, l’obiettivo rimane quello di fare il massimo per chiudere in ascesa la seconda stagione in serie A. “In queste due settimane abbiamo cementato la nostra coesione di gruppo, concedendoci un ritmo meno acceso del solito – dice Fabrizo Staico, tecnico del Selargius – questo campionato, dal punto di vista mentale, ha richiesto meno costanza di quello appena concluso, ma l’obiettivo rimane vincere le ultime tre gare rimaste”. L’Alghero è stata sempre superata da quando si calcano i parquet della seconda serie nazionale. “ Non vuol dire – avverte Staico – la Mercede ha in questo momento più fame e interesse di noi, non ha chiuso del tutto la questione salvezza e vorrà certamente fornire una bella prestazione davanti al proprio pubblico”.

533 Visite totali, nessuna visita odierna