L’ULTIMA VITTORIA HA IL SAPORE DELLA FESTA

In casa giallonera è tempo di bilanci per una stagione ancora una volta positiva

Gabriele Cinus”Merito di tutti, soddisfazioni soprattutto dal settore giovanile”

Selargius, 5 maggio 2015

Prima l’abbraccio dell’indimenticata ex Roksana Yordanova, poi il positivo bilancio finale di Gabriele Cinus. Per il San Salvatore Selargius l’ultima gara dell’anno sul parquet di via Vienna ha il sapore della festa. Sarà per la convincente vittoria interna (54-43 sul Viterbo), o forse per il fresco e prezioso raggiungimento degli obiettivi societari. In ogni caso, dopo tre stagioni in serie A2, c’è ancora una volta da applaudire l’operato di un gruppo coeso e dedito al lavoro. “Abbiamo scritto una nuova pagina nella storia del San Salvatore – dice un soddisfatto Gabriele Cinus, uno degli storici fondatori del sodalizio campidanese – a inizio stagione non avevamo grossi obiettivi. Cercavano una squadra capace di regalare il solito contagioso entusiasmo a tutto l’ambiente. Lo stesso entusiasmo è arrivato dalla D regionale maschile e dalle nostre squadre giovanili, sempre numerose e cariche di voglia di fare“. Per una volta, gara e risultato di via Vienna sono passati così in secondo piano. “Siamo enormemente soddisfatti – continua Cinus – il merito va diviso tra tutti: atleti, genitori, dirigenti e allenatori“. A questi ultimi il plauso più grande, al termine di  una stagione di sacrifici e impegno sui campi. “Un pò tutti ci invidiano il nostro gruppo di tecnici – conclude Cinus – ma il segreto stà soprattutto nella tranquillità e nella serenità con cui li lasciamo lavorare“. Dà ragione Fabrizio Staico, ancora una volta traghettatore verso un obiettivo la cui importanza è tangibile. “Quest’anno abbiamo allestito un gruppo nuovo e giovane rispetto al recente passato – spiega il coach del Selargius – in tre anni abbiamo conquistato senza affanni la salvezza e siamo stati spesso a un passo dai playoff. Traguardi utili a cercare nuovi stimoli e a continuare a migliorarsi“. La gara con Viterbo (online su www.directasport.it) è stata l’ultima con Dita Rozemberga a disposizione. La giocatrice lettone del Selargius è stata convocata dalla sua nazionale. A lei il ringraziamento da parte di tutta la società per la professionalità dimostrata e per la totale dedizione alla causa giallonera.

SAN SALVATORE SELARGIUS VITERBO 54-43

San Salvatore: Rozenberga 15, De Pasquale 9, Lussu 6, Angius 2, Rosellini 8, Astero, Palmas 4, Di Costanzo 6,  Dell’Olio 2, Cavallini 2. All. Fabrizio Staico.
Defensor Viterbo: Yordanova 14, Chimenz 5, Orchi 4, Romagnoli 2, Puggioni 8, Bernardini 1, Porcu, Mancabelli 2, Ndiaye 4, Spirito 3. All. Carlo Scaramuccia.
Arbitri: Alberto Giansante di Siena ed Emanuele Orlandini di Livorno.
Parziali: 17-9; 34-18; 44-29

1,483 Visite totali, nessuna visita odierna

UN OTTIMO SAN SALVATORE PIEGA IL CARUGATE

Giallonere vittoriose per la prima volta sul parquet lombardo  

Staico: “Quattro ragazze in doppia cifra sono un’ottima risposta del gruppo”

 Selargius, 27 aprile 2015

Lucia Di Costanzo (San Salvatore Selargius)Quattro ragazze in doppia cifra (Di Costanzo addirittura in doppia doppia, con 18 punti e 12 rimbalzi) e una gran bella prova del gruppo. Il San Salvatore Selargius fa rientro da Castel Caugate con due punti inattesi frutto di una convincente vittoria. Per le selargine di Staico, orfane in extremis di Veronica Dell’Olio,  a contare più di tutto è stata probabilmente la leggerezza d’animo. Giocare con la testa sgombra da valutazioni di classifica ha permesso alla squadra di farsi apprezzare per il gioco gradevole e agonisticamente di qualità, costruito sulle rapide transizioni di una ritrovata Anna Lussu e sulle buone percentuali. Il punteggio finale, tuttavia, tradisce la reale dinamica di un match che è stato in equilibrio praticamente per tutti i 40′. Soltanto nel finale, infatti, il San Salvatore ha trovato la forza di allungare, mettendo la parola fine a un risultato che alla vigilia, pareva difficile da ipotizzare. “Le ragazze sono state encomiabili – dice un soddisfatto Fabrizio Staico – hanno messo in campo tutta la loro professionalità, cancellando in un colpo solo le perplessità da me manifestate alcune settimane fa”. Una vittoria che fa morale e che aiuta a chiudere con serenità una stagione costellata di alti e bassi. Le giallonere sono ora attese dall’ultimo impegno davanti al proprio pubblico, sabato 2 maggio con Viterbo. “Mi piacerebbe vedere sugli spalti tutti i nostri sostenitori – conclude il coach del Selargius – c’è da festeggiare insieme la conquista di un risultato positivo in un campionato difficile e particolarmente equilibrato”.

CARUGATE – SAN SALVATORE SELARGIUS 56-67

Castel Carugate: Casartelli 8, Cagner, Stabile 8, De Gianni 12, Robustelli 4, Giunzioni 6, L’Altrella ne, Frantini 12, Colombo 3, Minervino 3. All. Luigi Cesari.
San Salvatore: Rozenberga 18, De Pasquale 13, Lussu 12, Angius, Rosellini 6, Astero, Palmas, Di Costanzo 18, Dell’Olio ne, Cavallini ne. All. Fabrizio Staico.
Arbitri: Claudio Borrelli di Cercola (NA) e Dora Natale di Maddaloni (CE).

Parziali: 17-13; 36-33; 49-46.

447 Visite totali, nessuna visita odierna

TUTTE SULLA CORDA, NESSUNA ESCLUSA

Le giallonere vogliono dimenticare Muggia centrando una vittoria a Carugate

Staico: “Sono sicuro della reazione del gruppo”

Selargius, 24 aprile 2015

Veronica Dell'Olio (San Salvatore Selargius)La sconfitta col fanalino di coda Muggia proprio non è andata giù. E con essa neppure la prestazione di un gruppo che ha ancora tanto da dimostrare. Il San Salvatore Selargius si rituffa in campionato con l’obbligo di continuare a fornire impegno e concentrazione. Non tanto ai fini della classifica, che vede le selargine già matematicamente salve, quanto per l’onore. La stagione non è infatti stata tra le più positive e chiudere con le braccia al cielo sarebbe la migliore medicina per ripartire. L’occasione di rivalsa è tra le più ghiotte. Domenica(ore 17) la formazione campidanese andrà infatti a far visita al Castel Carugate, sconfitto con appena tre lunghezze di vantaggio (69-66) nella gara giocata sul parquet di via Vienna. “Mi aspetto una grande risposta di temperamento da parte delle ragazze – dice il tecnico del San Salvatore Fabrizio Staico – in queste tre stagioni di serie A2  non ho mai sopportato vedere le attrici di un campionato così importante e difficile giocare con sufficienza”. Sulla partita Staico è lapidario. “A Carugate non abbiamo mai vinto e per noi le trasferte, che iniziano alle 5 del mattino, non sono mai facili. Mi aspetto comunque una gara punto a punto, da decidersi soltanto nel finale”.

434 Visite totali, nessuna visita odierna